RaiNix – la RAI su bash

Era il 1985 quando i Cult pubblicavano Love, anche se lo scoprì qualche anno dopo.

Quel sound era come dinamite, che lanciato dalle potenti casse del mio renault 4 faceva volare sull’ asfalto.

La pirateria non esisteva ancora (intesa come lo è oggi), c’era la tassa aggiuntiva sul bollo auto per chi aveva l’autoradio, che nessuno pagava perché si sapeva che non veniva controllato, e si comperava il disco in LP o ce li si scambiava per poter registrare una magnifica cassetta audio da mettere in macchina.

Sui potenti impianti Hi-Fi di casa si consumava un rito “la copia”, armati di pazienza per via delle registrazioni a velocità 1:1.

Ora le tecnologie non più preistoriche consentono molto altro, ma lo spirito di rimanere liberi non è cambiato.

Oggi si può accedere alla TV anche dal web e con diverse tecnologie, da smarthphone e tablet vari, dal vostro MAC, dall’ultimo Windows e pure da Linux.

Partiamo dall’idea di usufruire di un servizio con un player che impegni meno risorse possibili (magari abbiamo ancora un 686) senza dover installare software propietario o cloni open.

Download “RaiNix 2.7 (25/06/2017) codename : Mistero Buffo” RaiNixV2.txt – Scaricato 1348 volte – 28 KB

Preleviamo il file RaiNix.txt e  rinominiamolo .sh o togliamo completamente l’estensione .txt

$ mv RaiNix.txt RaiNix
$ mv RaiNix.txt RaiNix.sh

poi rendiamolo eseguibile per l’utente.

$ chmod 744 RaiNix

Preoccupiamoci di aver installato ffmpeg,dialog e xterm per far funzionare il programma e livestreamer mpv ffplay per i player da utilizzare, a questo punto eseguiamo il file.

$ ./RaiNix

et voilà

rainix

Per avere un bluon flusso dati e un video fluido consiglio di impostare la qualità video che spesso dipende dalla qualità/velocità della connessione, fatto questo spostiamoci sull’opzione desiderata grazie all’uso della tastiera e con la pressione del tasto “Enter” godiamoci il video.

rainix1

 

Tutto questo mi è stato possibile usando anche per le prove il mio vecchio AthlonXP sul quale gira da parecchi anni una Debian (Gnu/Linux) testing fin dai tempi di lenny.

L’altra volta mi sono state mosse critiche dal fenomeno di turno che vede la Rai dal suo potente i7 e Chrome su Debian64, peccato che Chrome/Chromium per mancanza di SSE2 sul mio processore non si può installare, così non mi è possibile fare queste magate.

Lasciate perdere altre opzioni e non scassate! a me piace così, non dovete convincermi a usare altro.

other LINK by a friend

Cavalcate ora la potenza della vostra shell preferita.

 

Aggiornamento 24/06/2015 (v 1.3.1)

Caro Babbo Natale che ci scrivi dal Polo Nord, posso provare a cercare di capire i tuoi problemi ma la geolocalizzazione rende la vita non facile a chi vuole accedere al servizio e si trovi fuori dagli indirizzi IP di italica provenienza.

Però non disperare perché sembra che con un’altra diavoleria di bash & python sia possibile ottenere qualche maledetto flusso dati da dare in pasto a ffplay

Download “DePhone 1.3.1” DePhone.zip – Scaricato 130 volte – 5 KB

prestate attenzione alla versione, il programma verrà aggiornato mantenendo lo stesso link

be happy 😉

15 risposte a “RaiNix – la RAI su bash”

  1. Ciao a tutti

    Vi scrivo dal Polo Nord e proprio stasera volevo vedere “The Voice” ma con RaiNix non riesco a farci nulla.

    Il mio IPad si è rotto e sto usando il PC di mio nipote con Mandriva.

    che cosa posso fare ?

  2. Ciao quando lancio RaiNix e scelgo un canale, mi restituisce un errore: No such file or directory
    Come posso fare?
    Ho installato tutto il necessario, ffplay, mplayer ecc su una Mint 17.1 ma quando lancio un canale, mi da quell’errore preceduto da una serie di scritte che ti riporto :
    ffplay version 2.6.2 Copyright (c) 2003-2015 the FFmpeg developers
    built with gcc 4.8 (Ubuntu 4.8.2-19ubuntu1)
    configuration: –prefix=/opt/ffmpeg –libdir=/opt/ffmpeg/lib/ –enable-shared –enable-avresample –disable-stripping –enable-gpl –enable-version3 –enable-nonfree –enable-runtime-cpudetect –build-suffix=.ffmpeg –enable-postproc –enable-x11grab –enable-avisynth –enable-bzlib –enable-fontconfig –enable-frei0r –enable-gnutls –enable-ladspa –enable-libass –enable-libbluray –enable-libbs2b –enable-libcaca –enable-libcdio –enable-libdc1394 –enable-libfaac –enable-libfdk_aac –enable-libflite –enable-libfreetype –enable-libfribidi –enable-libgme –enable-libgsm –enable-libmodplug –enable-libmp3lame –enable-libopencore-amrnb –enable-libopencore-amrwb –enable-libopus –enable-libpulse –enable-librtmp –enable-libschroedinger –enable-libsoxr –enable-libspeex –enable-libssh –enable-libtheora –enable-libvo-aacenc –enable-libvorbis –enable-libvpx –enable-libwavpack –enable-libwebp –enable-libx264 –enable-libx265 –enable-libxvid –enable-libzmq –enable-libzvbi –enable-openal –enable-opengl –enable-pthreads –enable-vaapi –enable-vdpau –enable-zlib –enable-debug=3
    libavutil 54. 20.100 / 54. 20.100
    libavcodec 56. 26.100 / 56. 26.100
    libavformat 56. 25.101 / 56. 25.101
    libavdevice 56. 4.100 / 56. 4.100
    libavfilter 5. 11.102 / 5. 11.102
    libavresample 2. 1. 0 / 2. 1. 0
    libswscale 3. 1.101 / 3. 1.101
    libswresample 1. 1.100 / 1. 1.100
    libpostproc 53. 3.100 / 53. 3.100
    : No such file or directory aq= 0KB vq= 0KB sq= 0B f=0/0

    Grazie

  3. Perche’ se avevi la pazienza di leggere l’articolo scritto da Barabba fino in fondo (le ultime 7 righe) sapevi che RaiNix ha bisogno di un ip italiano, in quanto le dirette RAI sono geobloccate.

    K.

  4. Alla fine anche Babbo Natale dal Polo Nord è riuscito a vedere le dirette RAI evitando la geolocalizzazione degli IP non italici pur non avendo a disposizione le sostanze che girano in Olanda.

    Chiedi al tuo medico la scantarina in polvere e riprova, forse sarai più fortunato.

  5. Dividiamo in 2 parti la risposta:

    1 – Rainix ti permette di passare il flusso al player, la geolocalizzazione mi pare venga dai server RAI
    o ti trovi un proxy italico o puppa, in alternativa c’è DePhone a fine articolo

    2 – Ma hai provato a leggere tutto l’articolo ? anche i commenti degli altri utenti ? una soluzione per vedere la RAI dall’estero è già stata proposta.

  6. Ah..pardon! confesso di essermi concentrato su RaiNix, non avevo capito che DePhone fosse un altro script per vedere la tv.. e funziona!! fantastico! sono in Germania e funge! incredibile.. beh allora grazie! cercherò di sostituire il mplayer con Vlc, così da poter anche registrare eventuali robe interessanti..

  7. Cerca di interpretare il tono severo in modo costruttivo.
    Sei il secondo utente che commenta l’articolo, e come il precedente hai problemi con Rainix , anche lui era all’estero e anche lui ha risolto con DePhone.
    La geolocalizzazione non viene elusa da Rainix.
    Se avessi letto l’articolo in modo completo leggendo anche i commenti e credendo a Babbo Natale avresti risolto subito.

    Felice che tu abbia risolto

  8. Ho una domanda. È possibile sostituire Vlc al player usato da DePhone, ho provato a vedere di farlo da solo ma non ci sono riuscito..

  9. Ho provato RaiNix, pur avendo un i7, perchè non riuscivo a vedere Rai Replay.
    Con questo ho risolto il mio problema
    Grazie

  10. Ciao Panoramix

    ho seguito la discussione sul forum di fedora
    per vedere la RAI hai due opzioni

    RaiNix da shell su PC anche datati, ti bastano veramente poche risorse
    Raiview da browser (firefox/Iceweasel) che è la versione aggioranta dell’addon Raismth

    trovi tutto nella sezione download

    grazie a te per il feedback

  11. Ho dovuto cambiare ffmpeg con vlc, ché sulla mia Debian altrimenti non funzionava, ma a parte questo … lo script è davvero spettacolare!

Rispondi