Creare server IRC in TOR network

In questo articolo vedremo come creare un server IRC con l’ aiuto di charybdis e atheme passando attraverso la rete di TOR, questo ci permetterà di creare un server anonimo che trasmetterà i dati criptati e gli utenti saranno in perfetto anonimato.

Attualmente oltre al server privato mantengo un canale su freenode dove è possibile trovarmi : #puppa anche da browser.

 

Prima di cominciare però mi piacerebbe parlare del mio approcio a IRC, un vecchio modo di comunicare che resta sempre molto utilizzato (es debian channel list, debian testing è #debian-next on freenode,  #lineageos on freenode, etc), tutto è cominciato con debianizzati quando era su azzurra, il canale non era molto frequentato ma ci si poteva trovare in molti a volte, tanto che all’epoca dell’ e-zine ci si trovava su IRC per decidere tutti insieme.

Un sentito ringraziamento ad un grande amico di IRC che resiste ancora e non molla mai :  ” U571

  1. installare un server IRC
  2. client e configurazioni
  3. sicurezza: Limnoria un bot a guardia
  4. considerazioni finali

Leggi tutto “Creare server IRC in TOR network”

Debianizzati.org è morto ?

Ancora non si sa quando sarà la veglia, ma qualcuno ha già avvertito il parroco per l’estrema unzione.

Una front page ferma da anni  qualche piccolo lavoro di revisione nel wiki e un forum che grazie all’effetto volano ha retto per un pò prima di fermarsi ai minimi storici.

Qualcuno si mosse per i nuovi incarichi ai promessi salvatori, minacce di fork per poi finire in apparente abbandono….

Il forum non era aggiornato da tempo, il wiki pure, tutto basato su una vecchia Lenny che andava rifatta, ma questo non è il vero problema,  la scomparsa di una comunità pare il nocciolo della qustione.

Leggi tutto “Debianizzati.org è morto ?”

vnstati – la rete in una immagine

Delle varie macchine che ho attive mi piace vedere il traffico giornaliero sulla scheda di rete, così da diverso tempo uso vnstat di cui in passato avevo già parlato, ma non sempre l’accesso via shell è comodo, così ho pensato di usare vnstati, che appoggiandosi a vnstat genera un’ immagine.

Il pacchetto è disponibile sia per debian che raspbian, ed è molto semplice da usare.

Qui un esempio con raspberry PI3 per video sorveglianza con motioneye .

Cerchiamo ora di rendere la cosa più fruibile e interessante.

Leggi tutto “vnstati – la rete in una immagine”

mount cifs : mount error(112): Host is down

Il NAS è sempre acceso e pronto, spesso quando ho bisogno di alcuni file in rete li sposto/copio da dove mi trovo e li rendo disponibili in LAN.

Non ho avuto alcun problema sia da win7 che da Stretch, i file manager riescono a gestire le operazioni di lettura e scrittura senza alcun particolare accorgimento, l’unico che recentemene si è inceppato è il mount da shell che uso sul RaspberryPI.

puppa@raspberrypi ~ $ sudo mount -t cifs -o username=xxx,password=xxx,gid=1000,uid=1000,sec=ntlm //xxx.xx.x.xxx/my_dir/ /media/nas
mount error(112): Host is down
Refer to the mount.cifs(8) manual page (e.g. man mount.cifs)

Mi muovo in modo pigro e rimando al giorno successivo la ricerca di una soluzione, non ho fretta in questo momento, ma la soluzione  arriva prima che cominci a cercarla.

Leggi tutto “mount cifs : mount error(112): Host is down”

A perfect media center : LibreELEC

Da tempo cercavo un media center libero per poter gestire il mio archivio (film,musica,foto) che mantengo sul NAS in rete e che potesse offrirmi anche qualcosa di più in streaming, ebbene dopo tanto tempo di ricerca e prove l’ho trovato : LibreELEC.

In origine più di 10 anni fa avevo cominciato con GeexBox, installato su un PC riciclato (p3-800) al quale per ridurre consumi e rumorosità avevo montato un banco disk-on-ram, in pratica un banco di memoria con attacco IDE e come telecomando un ATI remote wonder, successivamente lo avevo installato anche su una partizione del portatile ma il progetto non ha avuto uno sviluppo felice.

Poi con il tempo KODI ha avuto maggiore successo ed è stato proposto in diversi gusti tra cui OpenELEC,LibreELEC e altri, senza dimenticare che è possibile installarlo su diversi OS tra cui windows e linux in modo indipendente.

Terminiamo la storia e passiamo alla parte pratica.

Leggi tutto “A perfect media center : LibreELEC”