RaspberryPI Torrent station Test

Dopo i primi giorni di entusiasmo , i test su PI si erano ridotti, la scheda con un sistema desktop andava lenta per lo scopo , le versioni multimediali  ( xbian e rasbmc ) sono ancora instabili e acerbe così mi invento un nuovo impiego , la torrent station.

La soluzione attuata mi permette di lasciare acceso il PI anche tutto il giorno, i consumi ridotti a confronto di un PC desktop giocano a suo favore , come anche la connessione flat che pago anche quando non uso , e la possibilità di gestire rtorrent a distanza risulta comoda.

Leggi tutto “RaspberryPI Torrent station Test”

Network scan GUI con Zenmap

A volte mi capita di fare ricerche nella mia LAN per trovare l’IP di qualche macchina ,a volte per vedere se è presente altre per sapere l’IP di una macchina in DHCP..

Sulle macchine con win ho sempre usato Look@Lan e mi sono sempre trovato bene, ma con la mia Debian non avevo ancora trovato un’alternativa.

Certo che nmap permette di fare tutto ciò ma non avevo voglia di leggermi tutto il man di nmap (che è ricco)  e cercavo una comoda GUI per la misera & pigra operazione che devo compiere saltuariamente.

Ecco sbucare dal cilindro Zenmap , una comoda GUI per nmap.

 

Per la scansione della rete locale ho usato la formula : 192.168.1.1-254

Dove il range va dall’Ip 192.168.1.1 al 192.168.1.254 .

Leggi tutto “Network scan GUI con Zenmap”

Cancellazione sicura del disco con secure-delete

Questa è roba per i maniaci della sicurezza.

Secure-delete è un pacchetto disponibile per squeeze, wheezy e sid .

La cancellazione sicura non è sempre facile, in questo secure-delete ci viene incontro con diversi strumenti :

sfill , sdmem , srm e sswap.

  • sfill – secure free disk and inode space wiper (secure_deletion toolkit)
  • sdmem – secure memory wiper (secure_deletion toolkit)
  • srm – secure remove (secure_deletion toolkit)
  • sswap – secure swap wiper (secure_deletion toolkit)

I test del MM-Team per ora si sono fermati a sfill , e a parte i tempi che si possono dilatare in base ai GB da riempire , si è dimostrato un’ ottimo strumento.

Se usate sfill in tutta la sua potenza avrete 38 riscritture da compiere , pertanto preparatevi a ore di attesa.

Leggi tutto “Cancellazione sicura del disco con secure-delete”

Problematic daemon status: 4 could not access PID file for moblock … failed!

Azzipicchia, erano circa due settimane che non avviavo moblock senza problemi e proprio oggi scopro che non parte più.

Problematic daemon status: 4
could not access PID file for moblock ... failed!

Mi muovo alla ricerca nel web e scopro che all’ orizzonte compare un’ altra applicazione che fa lo stesso lavoro : peer guardian linux !

Una vecchia conoscenza dato che la usavo con piacere su winXP, così mi lancio nelle prove e dopo aver rimosso moblock, blockcontrol e mobloquer installo  :

#aptitude install pgld pglcmd pgl-gui

ma anche qui la sorte mi nega un destino glorioso, solito errore.

 

torno sui miei passi e mi metto alla ricerca della soluzione che non tarda molto ad arrivare.

Leggi tutto “Problematic daemon status: 4 could not access PID file for moblock … failed!”

SUKA backup : le mutande di ferro al PC

Mantengo da circa 4 anni un server per uso strettamente personale, sul quale è installato Debian Lenny, server di posta, FTP e LAMP.

Uptime medio di circa 4 mesi, acceso 24/24 7/7 e per ora ancora vergine da attacchi, ma sul fututro non voglio scommettere.

La macchina é un vecchio AthlonXP2500 doppato con 2 GB di RAM e due HD (120+40), dove nel primo risiede il sistema operativo più la home, una partizione a parte per www e FTP, mentre il secondo serve per i backup incrementali con backup2l.

Durante una mia assenza ho notato strane mail riferite a problemi legati al backup, incuriosito ho scoperto che l’HD dedicato era deceduto.

OK nessun problema, sarebbe stato peggio se si fosse rotto l’HD principale, con il backup avrei avuto i file di configurazione e altro ma avrei dovuto reinstallare tutto.

Occorreva trovare una soluzione economica anche perchè il server é stato fatto con un PC recuperato  e i fondi sono stati spesi per l’ acquisto di birra .

Alla fine però l’MM team è riuscito a creare una finto RAID in mirror non sincronizzato (suka backup) che permette il ripristino del sistema e dei dati in circa 30 minuti di lavoro.

Di seguito le semplici e imprevedibili operazioni. Leggi tutto “SUKA backup : le mutande di ferro al PC”