aMule in Debian testing

Mi ero occupato in passato
dell’uso di emule-morphXT su linux
anche perchè le migliorie fatte
perchè potesse funzionare con wine
mi avevano convinto e poi perchè con Window$ lo avevo sempre usato.
In passato avevo provato aMule ma i continui crash mi avevano
fatto optare per la soluzione wine.
Ora dopo tanto tempo ho voluto riprovare aMule e mi sono ricreduto.
Seguendo l’articolo vi ilustrerò come ho fatto e come renderlo più sicuro

Premetto che l’articolo riguarda l’installazione di aMule su Debian Testing a 32 bit con linea ADSL 7Mb
ma le indicazioni e i link sono validi per altre distro .
Se siete abbonati fastweb occorre aMule-adunanza

Cominciamo con la parte iniziale che rigurada l’installazione.
Qui abbiamo diverse soluzioni , dato che il pacchetto è disponibile
già nelle repository ufficiali di Debian , ma quello delle repository di amule.org
è più aggiornato.
Ho optato per la versione più aggiornata e ho così modificato il mio file source.list , aggiungendo

# amule CVS
deb http://www.vollstreckernet.de/debian/ testing amule

poi ho aggiunto la GPG Key

gpg --keyserver wwwkeys.eu.pgp.net --recv 50D0AE60
gpg -a --export 50D0AE60 > /tmp/key
apt-key add /tmp/key (requires superuser privileges)

Per installarlo come root eseguo

apt-get update
apt-get install amule

per aggiungere all’interfaccia grafica la lingua italiana , altrimenti è in inglese

amule-i18n-it

Ora il programma è installato e funzionante , così dando per scontato che sappiate come si usa questo client P2P , non mi dilungherò sulla configurazione di base.
Per un approfondimento vi mando alla pagina principale del wiki di amule , lì potrete trovare informazioni utili per installare e/o compilare amule per diverse distro e diversi sitemi operativi.
Se avete problemi potete scrivere nel Forum o cercare la soluzione a problemi comuni che vi sono accaduti
Per chi masticasse poco bene l’inglese è possibile fare riferimento per le impostazioni comuni al sito italiano di eMule , che per la parte generica come ID basso o altro è simile se non uguale.

Avendo usato emule già da diversi anni ho trovato un attimo di smarrimento con l’interfaccia grafica che è leggermente diversa ma bastano pochi minuti per abituarcisi.
Se uno ha già usato emule o altri client simili modificati non troverà alcun problema.

Noto con piacere che la stabilità un tempo incerta è ora cosa di fatto ho constatato che anche l’uso di risorse è diminuito facendo un paragone con ciò che usavo prima ovvero emule-morphXT con wine.

Come test ho lasciato in esecuzione amule per 48 ore e nelle ore diurne il PC è stato usato normalmente per la navigazione e altro.
Non ho mai avuto crash e la memoria occupata da amule non ha mai superato i 150 Mb a parità di impostazioni con l’altra soluzione.

Senza dimenticare la sicurezza vorrei ripetere quello descritto in un vecchio articolo ovvero l’uso di MoBlock
Con il quale potrete filtrare gli IP che minacciano ( teoricamente ) la vostra privacy.
Per l’installazione sulla nostra Debian testing aggiungiamo al source.list

#Debian lenny (testing):
deb http://moblock-deb.sourceforge.net/debian lenny main
deb-src http://moblock-deb.sourceforge.net/debian lenny main

e carichiamo la GPG Key

gpg --keyserver wwwkeys.eu.pgp.net --recv 9072870B
gpg --export --armor 9072870B | sudo apt-key add -

per l’installazione , con i permessi di root

apt-get update
apt-get install moblock
apt-get install mobloquer

In questo modo anche la nostra macchina Linux potrà scaricare tranquilla e sicura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*