Make .torrent in a shell

Da diverso tempo uso il mio raspberryPI come torrent station, e fino ad ora, a parte usarlo per scaricare, non mi era mai capitato di dover condividere materiale (legale).

Giammai lo feci con kTorrent che usavo prima di rtorrent, così nel dover soddisfare questa mia nuova esigenza ho avuto modo di usare mktorrent.

Per lo scopo prefisso è più che sufficiente e tra le particolarità, mktorrent è un’utilità testuale per creare file con metainformazioni BitTorrent usati dai tracker e dai client torrent. Può creare velocemente file con metainformazioni per file singoli o intere directory.

Gestisce inoltre:

 - tracker multipli;
 - incorporazione di commenti personalizzati nei file torrent;
 - disabilitazione di DHT e Peer Exchange;
 - hash multi-thread.

benè ora procediamo con il creare il nostro primo file.torrent e lanciamoci nella fraterna condivisione.

LINK all’immagine : http://imgur.com/mY27t.jpg

Per creare un file .torrent da linea di comando eseguire questo comando :

mktorrent -v -p -l 21 -a http://tracker.url -o filename.torrent folder_name

-v is for verbose
-p is for private, as in not DHT or PeerExchange
-l is for piece length (or size) for the torrent. It’s 2^n bytes, so -l 21 would create a 2^21 =2MB piece size (22=4MB and 23=8MB). Try to keep total of 1000 to 2000 pieces. Increase piece size if needed.
-a is for tracker, the tracker URL follows (one is required; additional -a commands add backup trackers)
-o is for output, the torrent file name follows

Important note: The command needs to be all in one line, and quotes must be used around the folder name if it contains spaces.

Esempio di utilizzo

Mettiamoci nella condizione di dover creare un file .torrent per condividere la cartella puppamelo che risiede già nella directory di condivisione, così spostiamoci al suo interno.

$cd /media/usb0/torrent

ora digitiamo il comando:

mktorrent -v -l 18 -a udp://tracker.publicbt.com:80 -o puppamelo.torrent puppamelo

Un occhio di riguardo va dato alla dimensione dei pezzi (piece-size) che di default è impostato a 256kb, e nel caso di grossi file può risultare non molto adatto.

Facciamo riferimento alla seguente tabella per cambiare il valore -l alla giusta dimensione.

-l 18 = 256kb piece-size (for filesizes under 512MB)
-l 19 = 512kb piece-size (for filesizes from 512MB to 1024MB / 1GB)
-l 20 = 1MB (1024kb) piece-size (for filesizes from 1GB to 2GB)
-l 21 = 2MB (2048kb) piece-size (for filesizes from 2GB to 4GB)
-l 22 = 4MB (4096kb) piece-size (for filesizes from 4GB to 8GB)
-l 23 = 8MB (8192kb) piece-size (for filesizes from 8GB to 16GB)
-l 24 = 16MB (16384kb) piece-size (for filesizes above 16GB)

tenendo in considerazione che l’ideale sarebbe avere dimensioni da 1000 a 2000 piece-size.

Questa una lista di possibili tracker, anche se ne esistono altri.

udp://tracker.publicbt.com:80 
udp://tracker.openbittorrent.com:80
udp://tracker.ccc.de:80
udp://tracker.istole.it:80

volendo è possibile creare uno script che automatizzi la sessione

#!/bin/sh
for i in "$@"; do
     mktorrent -v -p -a announce.url/here -o "$i.torrent" "$i"
done

e visto che quanto ho scritto non è farina del mio sacco riporto anche il link da dove ho scopiazzato alla grande.

 

Life in a shell is better

😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*